Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Hobby creativi’ Category

Ecco qui la mia ricetta dello scorso Dicembre pubblicata su Bellydance Italia

Avete mai sognato un bel bagno profumato rilassante, riscaldante e tonificante con le note speziate dell’Oriente? Ecco come potete prepararlo con le spezie comunemente usate in cucina 🙂

Io vi consiglio il sale marino integrale perché, diversamente dal sale commerciale composto oramai solo da  cloruro di sodio e spesso addizionato con additivi chimici che servono come antiagglomeranti, contiene altri Sali minori utili per il nostro benessere.

Le spezie sono in polvere. Se non trovate l’Anice in polvere, potete utilizzare i semi e pestarli, stessa cosa per le bacche di ginepro. I chiodi di garofano hanno un profumo molto forte, quindi potete  metterne anche solo ½ cucchiaino. Non usate la Cannella, poiché potrebbe risultare irritante.

L’Anice, calmante e disintossicante, è una delle spezie più antiche, utilizzata molto dagli Egizi, Greci e Romani, anche per farne Sali profumati; il Cardamomo, spezia medicamentosa usata in Ayurveda, oltreché dai Greci e Romani per fare i profumi, viene citata anche ne “Le mille e una notte”; la Curcuma è il miglior alleato per la pelle oltre ad avere proprietà curative straordinarie ; i Chiodi di Garofano, usati anche dagli Egizi per l’imbalsamazione, hanno proprietà disinfettanti ed antimicrobiche; il Ginepro combatte l’ansia e lo stress; la Noce Moscata è un potente tonico stimolante che combatte la stanchezza; lo Zenzero è uno stimolante generale, utile per la circolazione, rilassa i vasi sanguigni periferici, è antisettico e ha un potere riscaldante.

Ingredienti  per circa 500 gr di prodotto

500  gr Sale Marino Integrale
1 cucchiaino di Amido di Riso
½  cucchiaino di Anice
1 cucchiaino di Cardamomo
2 cucchiaini di Curcuma
1 cucchiaino di Chiodi di Garofano
½  cucchiaino di Ginepro
½  cucchiaino di Noce Moscata
1 cucchiaino di Zenzero

In un mortaio mettete tutte le spezie e l’amido di riso, pestate bene fino ad ottenere una polvere fina ed omogenea.
In una ciotola unite il sale e la polvere e mescolate finché il composto è ben amalgamato.
Trasferite il vostro sale in vasetti di vetro e chiudete ermeticamente.
Per  utilizzarli mettetene 1-3 cucchiai nella vasca da bagno, con l’acqua molto calda, lasciateli sciogliere ed immergetevi quando l’acqua si sarà intiepidita: la temperatura ottimale è 37 gradi perché favorisce il processo di osmosi. Rilassatevi con questi profumi per 20-30 min circa.
Non utilizzate questi Sali con la vasca idromassaggio, o le poveri potrebbero ostruire le bocchette. Al termine del bagno, sciacquatevi, perché la curcuma è molto colorante e rischiate di colorare l’asciugamano.

Per dare un tocco colorato ai vostri Sali potete utilizzare il colorante alimentare, ma io preferisco lasciare il colore naturale.
Se volete creare dei Sali dorati, utilizzate solo la curcuma, aumentando ovviamente le dosi: avrete comunque dei Sali ottimi per la pelle.
Buon rilassamento 🙂

Articolo originale

Read Full Post »

Fantastico video!

Grazie LovePotionDesign 🙂

Read Full Post »

Fonte: Esperosas

Read Full Post »

Questo video propone una bellissima alternativa alla lavorazione della lana.
Buona visione

Fonte: Biodemo26

Read Full Post »

Se avete bisogno di un calendario del 2011 da tavolo-scrivania, da parete, mensile, annuale, illustrato, e quant’altro, recatevi qui dove ce ne sono molti carini da scaricare e stampare.
Buon anno 😉

fonte: marbaro

Read Full Post »

 

 

I pantaloni da “odalisca” possono essere indossati sotto una gonna, o semplicemente da soli.
Io vi fornisco le istruzioni per realizzarli da sole, ma voi potete sbizzarrirvi a scegliere il tipo di stoffa che più vi piace.
Potete farli coprenti, trasparenti, leggeri, pesanti, a tinta unita o colorati.. lasciate libera la fantasia!

I pantaloni da odalisca:
Una volta tagliata la stoffa sono facili da cucire, perché sono sufficienti due cuciture e tre orli.
Spesso i pantaloni sono realizzati tagliando il davanti ed il dietro nello stesso modo, ma se volete, potete distinguere il davanti abbassandolo di un cm.
Per fare quelli più semplici, piegate la stoffa a metà e tagliate due parti esattamente uguali

Variazioni:
Potete lasciare aperto il lato, arricchirlo con motivi ornamentali, e collegare le due metà con fili di perline, nastri metallici o altre decorazioni.
Potete aggiungere davanti e dietro dei pannelli o delle sciarpe e cucirli direttamente sui pantaloni, o attaccarli ad un elastico o un nastro separato, da legare successivamente.Avrete un effetto differente sulla figura, a seconda dell’ampiezza e del tessuto.
L’altezza dei pantaloni varia a seconda della lunghezza delle vostre gambe.
Considerate in media da 5 a 10 cm per ogni orlo a seconda dell’altezza dell’elastico che userete.

Misure:

Misurate l’elastico intorno all’addome, sotto l’ombelico, dove sistemerete la parte superiore dei pantaloni. Questa è la vostra linea della cintura.
Ora misurate da questa linea a terra: questa è la lunghezza del pantalone.
Aggiungete a questa lunghezza 10 cm per l’orlo superiore ed inferiore.
Misurate il fianco, sulla parte più larga: questa sarà la misura dell’anca.
Misurate la coscia nella parte più larga.
Poi sedetevi su una sedia e misurate dalla linea della cintura alla sedia ed aggiugete 2,5 cm (o 5 cm per pantaloni molto ampi): questa sarà la misura del cavallo.
Aggiungete dai 16 ai 32 cm alla misura dell’anca e coscia a seconda di quanto volete siano ampi. Se li volete sottili aggiungete 10-13 cm.
Il modello è metà gamba in larghezza, ma intera in altezza.

Costruzione:

Quando il disegno è completo, determinate quanta stoffa vi serve utilizzando lo schema in figura.
Fissate il modello al tessuto con le spille e tagliate.
Cucite prima le cuciture centrali, poi le rimanenti.
Fate gli orli, lasciando lo spazio per gli elastici, sulla linea della cintura e sulle caviglie.
Fate varie prove per vedere se l’altezza dei pantaloni va bene, prima di cucire.
Usate una spilla da balia per inserire gli elastici e regolate bene la misura, provando ad indossarle i pantaloni fissando gli elastici con una spilla, poi cucite.
L’elastico deve essere sufficentemente teso, ma non stretto.

Un consiglio:

Se utilizzate un elastico abbastanza alto per la linea della cintura, fissatelo in più punti al pantalone, poiché tende a torcersi.

Fonte: Shira

Read Full Post »

Il Dipartimento di Matematica e la facoltà di Architettura di Roma Tre, mette a disposizione dei simpatici Kit per costruire i 5 solidi platonici con delle semplici strisce di carta.
Potete utilizzare dei fogli A4 gialli, verde e blu per seguire pedissequamente il suggerimento, oppure dare libero sfogo alla fantasia utilizzando tutti i colori che volete 🙂
Una volta stampati i fogli, dovete tagliare le strisce e assemblarle seguendo le istruzioni sulle tavole relative a ciascun poliedro.
Questo kit è stato sviluppato per tutti i poliedri regolari, a partire dal progetto di corso consegnato dall’allora architetto junior Alessandro Faiella, nel corso di Matematica per la laurea specialistica in progettazione.

Istruzioni di Montaggio:
Tetraedro
Cubo
Ottaedro
Icosaedro
Dodecaedro

Istruzioni per la stampa delle strisce:

  • Per costruire 3 tetraedri occorre stampare: 1 foglio tetraedro su carta blu.
  • Per costruire 4 cubi occorre stampare: 1 foglio cubo1 su carta gialla, 1 foglio cubo2 su carta blu, 1 foglio cubo3 su carta verde.
  • Per costruire 5 ottaedri occorre stampare: 1 foglio ottaedro1 su carta gialla, 1 foglio ottaedro2 su carta verde.
  • Per costruire 4 icosaedri occorre stampare:1 foglio icosaedro1 su carta gialla, 1 foglio icosaedro2 su carta verde,1 foglio icosaedro3 su carta blu.
  • Per costruire 2 dodecaedri occorre stampare: 1 foglio dodecaedro1 su carta gialla, 1 foglio dodecaedro2 su carta verde, 1 foglio dodecaedro3 su carta blu (avanzerà 1 striscia per ogni colore!).

Fonte: Laboratorio Formulas Roma Tre

Read Full Post »

Older Posts »