Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2011

Qualche stralcio dell’intervista a Maria Strova a cura di Silvia Casini, sul suo primo documentario in Europa intitolato Cercando Sheherazade.
Vi invito a leggere l’intera intervista qui.

Chi è Sheherazade?
Sheherazade, l’ingegnosa narratrice di “Le Mille e Una Notte”, è una donna colta, che conosce popoli e Paesi, che ha studiato la storia e la filosofia, le arti e le scienze e che sa fare tesoro di questa sua sapienza. È grazie a questa sapienza che cerca e trova dentro di sé la forza, le risorse per ribaltare il proprio destino di infelicità e di morte.
Perché proprio la figura di Sheherazade?
La danza del ventre oggi gode di una incredibile popolarità, che tuttavia non l’ha liberata da molti pregiudizi, perché non è conosciuta in profondità. Come icona di questo viaggio introspettivo, ho scelto Sheherazade, l’intelligente e coraggiosa narratrice delle “Mille e Una Notte”, perché con i suoi racconti sconfigge l’ignoranza e la morte ed il documentario si propone di portare a conoscenza questa danza, oltre i tabù del corpo e al di là del mondo dell’harem e dalle odalische sdraiate, che erroneamente è considerato il luogo dove questa danza ebbe origine e ha ispirato non sempre in modo costruttivo, l’immaginario della danza del ventre fino ai nostri giorni. La sua storia ispira un nuovo genere di danza del ventre con creazioni coreografiche originali tra cui: Lyrical VeilDance and Lyrical BellyDance, Latin BellyDance, Tribal Fusion e Danza del Ventre in Gravidanza.

Come trovare la Sheherazade che è in ognuna di noi?
Non certo chinando la testa di fronte ad un destino avverso, né fuggendo, ma anzi accettando una sfida terribile, richiamando con coraggio e determinazione l’energia positiva, costruttrice di fratellanza e di amore, che è – troppo spesso – imprigionata e inerte sotto il velo della paura e dell’ignoranza. Ogni donna, oggi, ha una storia da raccontare. Vincere la paura, anche con l’aiuto di altre donne, è essenziale per portare nel mondo il proprio messaggio di pace.

In quest’ottica, la danza del ventre si fa strumento di riscatto: un’arte che ha viaggiato e viaggia attraverso i secoli, un’arte universale, che non conosce confini, che si tramanda da donna a donna, spesso da madre a figlia, che sta pian-piano faticosamente uscendo dal ghetto dell’harem, dove gli uomini l’avevano rinchiusa…

Ci parli della preparazione al parto tramite la danza del ventre…
I suoi movimenti fluidi e circolari, abbinati al respiro lento e profondo, aiutano la futura mamma a sentire il bacino ed al momento del parto agevolano la nascita del bambino. Non è solo una danza molto sensuale, ma anche una forma antichissima di preparazione al parto: la danza del ventre vanta una tradizione secolare. Risale infatti a riti religiosi pagani praticati nell’antico Egitto, rivolti a divinità e a forze naturali. Queste cerimonie esprimevano pienamente il simbolismo della fertilità (ecco perché sono danze esclusivamente femminili), richiamando il contatto con la terra ed esaltando i movimenti sensuali.

La capacità della donna di procreare e la sua diretta correlazione con la fecondità della terra sono rappresentati in questa danza, attraverso i movimenti sinuosi del bacino e l’energia emanata dal corpo femminile. Il ventre viene inteso come luogo della procreazione, come sorgente di vita, ed è quindi collegato alla figura della donna madre, simbolo della fecondità e della fertilità.

Read Full Post »