Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Costumi’

 

 

I pantaloni da “odalisca” possono essere indossati sotto una gonna, o semplicemente da soli.
Io vi fornisco le istruzioni per realizzarli da sole, ma voi potete sbizzarrirvi a scegliere il tipo di stoffa che più vi piace.
Potete farli coprenti, trasparenti, leggeri, pesanti, a tinta unita o colorati.. lasciate libera la fantasia!

I pantaloni da odalisca:
Una volta tagliata la stoffa sono facili da cucire, perché sono sufficienti due cuciture e tre orli.
Spesso i pantaloni sono realizzati tagliando il davanti ed il dietro nello stesso modo, ma se volete, potete distinguere il davanti abbassandolo di un cm.
Per fare quelli più semplici, piegate la stoffa a metà e tagliate due parti esattamente uguali

Variazioni:
Potete lasciare aperto il lato, arricchirlo con motivi ornamentali, e collegare le due metà con fili di perline, nastri metallici o altre decorazioni.
Potete aggiungere davanti e dietro dei pannelli o delle sciarpe e cucirli direttamente sui pantaloni, o attaccarli ad un elastico o un nastro separato, da legare successivamente.Avrete un effetto differente sulla figura, a seconda dell’ampiezza e del tessuto.
L’altezza dei pantaloni varia a seconda della lunghezza delle vostre gambe.
Considerate in media da 5 a 10 cm per ogni orlo a seconda dell’altezza dell’elastico che userete.

Misure:

Misurate l’elastico intorno all’addome, sotto l’ombelico, dove sistemerete la parte superiore dei pantaloni. Questa è la vostra linea della cintura.
Ora misurate da questa linea a terra: questa è la lunghezza del pantalone.
Aggiungete a questa lunghezza 10 cm per l’orlo superiore ed inferiore.
Misurate il fianco, sulla parte più larga: questa sarà la misura dell’anca.
Misurate la coscia nella parte più larga.
Poi sedetevi su una sedia e misurate dalla linea della cintura alla sedia ed aggiugete 2,5 cm (o 5 cm per pantaloni molto ampi): questa sarà la misura del cavallo.
Aggiungete dai 16 ai 32 cm alla misura dell’anca e coscia a seconda di quanto volete siano ampi. Se li volete sottili aggiungete 10-13 cm.
Il modello è metà gamba in larghezza, ma intera in altezza.

Costruzione:

Quando il disegno è completo, determinate quanta stoffa vi serve utilizzando lo schema in figura.
Fissate il modello al tessuto con le spille e tagliate.
Cucite prima le cuciture centrali, poi le rimanenti.
Fate gli orli, lasciando lo spazio per gli elastici, sulla linea della cintura e sulle caviglie.
Fate varie prove per vedere se l’altezza dei pantaloni va bene, prima di cucire.
Usate una spilla da balia per inserire gli elastici e regolate bene la misura, provando ad indossarle i pantaloni fissando gli elastici con una spilla, poi cucite.
L’elastico deve essere sufficentemente teso, ma non stretto.

Un consiglio:

Se utilizzate un elastico abbastanza alto per la linea della cintura, fissatelo in più punti al pantalone, poiché tende a torcersi.

Fonte: Shira

Annunci

Read Full Post »

 

Terminiamo qui la descrizione dei tessuti utilizzati per i vestiti di Danza Orientale.

Esistono dei tessuti nuovi di grande effetto scenico come gli spalmati metallici o i paillettati (in america li chiamano spot dots perché le paillettes sono incollate anziché cucite) che sono, però, più ingombranti e difficili da cucire.
La colla o la spalmatura, infatti, tende ad impastarsi sull’ago che così si spezza facilmente.
Essendo leggermente elasticizzati, almeno per un verso, si prestano alla realizzazione di capi aderenti senza l’utilizzo di cerniere o bottoni e sono ottimi per rivestire reggiseno o cinture semirigide con facilità.
Un’altro punto a sfavore è la poca resistenza all’usura: gli spalmati, per esempio, perdono la lucentezza col contatto prolungato di una cintura, e i paillettati perdono qualche paillettes. 😯

Brillantine o Brillantè
Tessuto di cotone simile al popeline, detto anche lustrino, unito o mosso da piccoli disegni lucidi di tessitura.

Cangiante
Sono quei tessuti, ottenuti da filati lucidi e ritorti, anche di colori accostati, che sembrano cambiare colore per effetto della luce cambiando angolo di visuale.

Ciniglia
Filato ritorto molto gonfio e voluminoso, poiché trattiene, fra i capi, ciuffetti di pelo ritto.
Somiglia al velluto ma è più morbida e può anche essere elasticizzata.
E’ ottima per la realizzazione delle gonne a tubo e facile da ricamare.

Acetato
Tessuto derivato dalla cellulosa.
E’ morbido e delicato, di aspetto serico, con colori vivi e brillanti e buone doti di traspirabilità, igroscopicità, antistaticità e comfort.
Viene utilizzato per abiti e camicette e, mischiato con altre fibre, per fodere, maglieria esterna estiva, cravatte,nastri, rasi, passamanerie e broccati per l’arredamento.
Si ottengono capi non solo belli, ma confortevoli, infatti:
– è una fibra creata dall’uomo (artificiale, non sintetica)
– è una fibra di origine naturale
– è completamente biodegradabile
– è anallergico, traspirante e antistatico
– è utilizzato in quasi tutti i tessuti per abbigliamento, dal prêt-à-porter all’alta moda
– è utilizzabile in mischia con qualsiasi altro filato, naturale e sintetico
– è morbido e confortevole, con eccellente mano e drappeggio
– è brillante nei colori sia nella versione lucida che opaca.

Baiadera
Prende il nome da un tessuto a strisce multicolori di origine indiana; oggi indica il disegno o stampa a fasce multicolori parallele in trama.

Maglina per sottovesti
Primo pregio: prezzo bassissimo.
Forse per questo motivo è il classico tessuto che non vi propongono mai. 😯
E’ abbastanza lucido, disponibile in diversi colori, moderatamente trasparente, non sfila, è elastico e cade bene.
Potete realizzare delle tuniche tipo baladi e pantaloni.
Ha solo un difetto…. si attacca alle monete!!

Garza
E’ una speciale qualità di tessuto di cotone molto aperto e rado usato sia per l’abbigliamento e la camiceria, che per i tendaggi, velari, bende e fasciature.
E’ ottima per la realizzazione di abiti Baladi.

Jersey (si pronuncia gersi)
Prende il  nome da un’isola sulla Manica dove si fabbricavano i tessuti a maglia, inizialmente di scarso successo. Oggi si indicano così genericamente tutti i tessuti in pezzo, in maglia unita rasata, dalla caratteristica struttura elastica, usati per confezionare abbigliamento esterno ed intimo di ogni genere.
Il costo è basso e la versatilità d’impiego ottima.
E’chiamato in gergo maglina ed è ideale per realizzare abiti e gonne aderenti, e abiti Baladi.

Fonte: Nonsolodanza

Read Full Post »

 

Continuiamo ad illustrare i tessuti utilizzati per i vestiti di Danza Orientale.

Crepe o crespo
Si chiamano così generalmente i tessuti di vario tipo che hanno un aspetto increspato, e ne esistono in numerosissime varianti, anche e soprattutto resistenti alla gualcitura.
Le più note sono:Crèpe-de-Chine (pron. crep-dscin) più compatto e pesante, ben drappeggiabile, ottenuto con l’impiego di trame a torsione alternata, spesso stampato.
Crèpe georgette (pron. crep sjors’jet) leggero, trasparente, arioso, a grana finissima, leggermente ondulato, solitamente unito.
Crèpe satin (pron. crepsatèn) morbido, rasato, lucido.
Crèpe marocain (marocchino) Il più pesante di tutti, con filato di trama più grosso dell’ordito che crea un effetto di costine ondulate.

Georgette
E’simile allo chiffon, ma al tatto è più pesante.
Tessuto leggero in cotone, seta o viscosa, sottile e trasparente, ma rigido, è utilizzato per la realizzazione di abiti vaporosi, con giochi di sovrapposizione a più teli.
E’ consigliato a chi ha esperienza di cucito, perché si sfilaccia moltissimo, va refilato e sorfilato dopo il taglio. Per cucirlo si usano filo e aghi sottili.

Damasco o damascato
E’ un tessuto jacquard di origine orientale (braccato di Damasco) originariamente fatto a mano, molto pregiato.
Normalmente è realizzato in un unico colore con filati brillanti che creano disegni a rilievo chiaro-scuri.
Si utilizza per l’arredamento e abbigliamento femminile.
Essendo un tessuto già ricco e abbastanza rigido è ottimo per fare coperture di corpini o cinture.

Organza
E’ una mussola di cotone, più fine e leggera (dai 30 ai 40 gr., e più) molto trasparente, realizzata con filati a titolo altissimo, che viene rinforzata da un appretto rigido.
Questa stoffa venduta per realizzare i teli per le tende si trova anche già confezionata con i passanti, ed essendo alta almeno 3 metri ha un eccellente rapporto qualità prezzo; è decisamente più robusta dello chiffon.
Potete utilizzarla per realizzare il velo, i pantaloni e le gonne, ma dovete tenerli sulla stampella perché prendono facilmente le pieghe.
Se ne trovano in colori molto brillanti e anche sfumati.
Ne esiste anche una variante detta scintillina ancora più fine e lucente.

Degradè
Prende il nome dall’effetto sfumato degradante del colore, che parte dai toni intensi e accesi fino a quelli chiarissimi.

Viscosa
Fibra cellulosica denominata anche rayon.
E’ morbida e di aspetto simile alla seta, ha il comfort tipico delle fibre vegetali, una buona resistenza all’usura (allo stato asciutto), elevata capacità igroscopica.
Si utilizza sia nell’abbigliamento che nell’arredamento

Fonte: Nonsolodanza

Read Full Post »

 

Vediamo in dettaglio quali sono i tessuti utilizzati per i vestiti di Danza Orientale.
La scelta del tessuto è determinante per l’effetto che volete ottenere e per il tipo di capo che volete realizzare.
Sicuramente dovrete prediligere tessuti preziosi per le esibizioni e preferire quelli più resistenti per gli allenamenti, e magari che non si spiegazzano facilmente, visto che lo mettete e togliete dalla borsa in continuazione.

Seta
E’ la più nobile, la più morbida e la più fine tra le fibre naturali, freschissima d’estate e calda d’inverno.
Ne esistono quattro gruppi: le TELE o TAFFETAS, le SAGLIE o DIAGONALI, i RASI o SATIN e gli JACQUARD.
La resistenza di un tessuto dipende dal tipo di fibra: l’ORGANZINO, che ha fibra lunga e ritorta , è molto resistente, mentre la BOURETTE ha fibra corta e quindi poca resistenza. Una via di mezzo è il filato SHAPPE che è molto usato.

Rasatello
Tessuto di cotone in armatura raso da 5, peso medio, molto liscio.
E’ di solito venduto per realizzare biancheria intima.
Potete trovarlo spesso tra gli scampoli, così oltre ad essere relativamente economico, ha il pregio di cadere bene e di non essere facile alle pieghe, ha dei bei colori e un effetto lucido che lo rende adatto ad una sottogonna, o ai pantaloni ampissimi, entrambi da usare da soli, o da intravedersi in trasparenza o attraverso uno spacco.

Satin (pron. satèn)
Oltre che essere un equivalente della parola RASO, indica un tessuto di cotone (satin drill) ad armatura raso, calandrato e lucido, usato per foderami, grembiuli, ecc.

Tela di cotone
Il nome deriva dall’arabo Katun (parte delle terre conquistate), e, dopo il lino e la lana, è la fibra tessile più antica.
I cotoni si classificano a seconda del titolo, mentre la lunghezza della fibra ne determina la qualità: più è lunga, più il cotone è lucente, resistente e pregiato.
La lunghezza della fibra, cioé il taglio, può misurare da meno di 20 a più di 40 millimetri.
La varietà chiamata Superfine St. Vincent raggiunge i 50 e 60 millimetri.
Una maglia di Filo di Scozia , utilizza cotoni finissimi, pettinati e ritorti, garantendo brillantezza e resistenza.
La fibra di cotone non è elettrostatica, non infeltrisce, ha altissima igroscopicità, per cui assorbe la traspirazione , non irrita la pelle, non produce allergie e si può stirare ad alte temperature.
La mercerizzazione con sostanze alcaline aumenta la brillantezza e la non restringibilità; la sanforizzazione rende il tessuto irrestringibile e l’indantren assicura la permanenza dei colori.
Leggero è economico e facile da cucire, ma si spiegazza con nulla e non cade affatto bene, quindi è sconsigliato.

Velo o chiffon
E’ il più fine e leggero tessuto che esista (gr. 40-50 al metro), è di seta o altre fibre finissime, in filati molto ritorti e sottili, trasparente come un velo, utilizzato per l’abbigliamento femminile.
Grazie alla trasparenza e leggerezza, è chiaramente adatto al “velo” ma anche alle gonne ampie sovrapposte (fino ad una doppia ruota), pantaloni e camice e tuniche con le maniche, che risultano ricchi e non ingombranti, cadono bene non prendono eccessivamente le pieghe.
L’unico problema è costituito dal fatto che i capi realizzati sono abbastanza delicati (le medaglie delle cinture possono attaccarsi e sfilare il tessuto) e abbastanza impegnativi da rifinire.

Fonte: Nonsolodanza

Read Full Post »

Un interessante tutorial per costruire da soli le ali da fata.
E’ la registrazione del programma “crafters from coast to coast” trasmesso in TV.
E’ stato fatto da un’autrice di canzoni, Emilie Autumn, che illustra passo per passo l’esecuzione, rendendola estremamente facile!
Può essere un’idea per il prossimo carnevale, oppure per il prossimo Cosplay.. che credo sia imminente…

Di seguito c’è anche la spiegazione per fare le saponette sushi… :mrgreen:

L’unico problema è che è in inglese… ma le immagini sono abbastanza chiarificatrici!

Read Full Post »

 

Una delle cose più belle della Danza del Ventre è indossare dei bei costumi anche a lezione.
Ogni insegnante ha la sua filosofia, ma di sicuro utilizzare le cinte e i pantaloni alla turca o le gonne ampie, aiutano a valorizzare i movimenti e a farci sentire più belle, più sensuali e più brave, insomma… più donne!
Esistono oramai negozi orientali che offrono i modelli più disparati, ma spesso sono anche abbastanza costosi.
Se abbiamo un pò di fantasia, possiamo rovistare nell’armadio e trovare quel top di paillettes che non mettevamo più o quella gonna lunga che con opportune modifiche può fare la sua figura!
Allora aggiungendo una perlina di qua ed una frangia di là otteniamo dei costumi a poco prezzo da poter usare in palestra durante le lezioni di Danza Orientale.

Se invece vogliamo cimentarci in un lavoro un pochino più complicato, possiamo comprare la stoffa che preferiamo e confezionarci il nostro costume, o farcelo cucire dalla nonna o da chi ha una macchina per cucire.
Allora via allo chiffon e velluto, alle perline, pendagli, monetine e paillettes!
Ripeschiamo quelle collane, braccialetti, orecchini splendidi, grandi e ricchissimi, che non metteremmo mai in nessun altra occasione..
Io ho trasformato due braccialetti, troppo piccoli per essere usati come tali, in un paio di orecchini che hanno ricevuto molti complimenti!
E quella cinta che andava una volta? Dorata, luccicante e con i pendenti a cuoricino? Anche!
E dovete vedere che figurone messa sulla gonna scura, per fare la danza con velo, dove sono abolite le monetine!!!
Con un pò di pazienza vi fornirò le istruzioni necessarie per creare i costumi Orientali e vi farò vedere come sto confezionando i miei, nel frattempo andate a rovistare i soffitta e fate il pieno di perline e paillettes… tra poco si comincia! 😉

Read Full Post »