Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘dieta’

Volete rimettervi in sesto dopo le abbuffate? Io la sto seguendo da questa estate, rivisitata e corretta come vi descrivo di seguito e sto perdendo da 1 a 2 kg al mese.
Non è stressante da fare, perché vi lascia la fantasia di preparare i piatti che volete.
Io approfitto del fatto che mangio al lavoro, così mi porto le dosi precise e non ho il desiderio di aprire il frigo o la dispensa. Ovviamente le accortezze sono le solite: evitate di bere alcolici, di cuocere soffriggendo, variate molto, ecc.. Evitate gli insaccati e i formaggi, snack delle macchinette o biscottini patatine ecc.. usate poco olio.. insomma le solite cose.
Considerate che per 3 sere a settimana mangio la pizza/focaccia fatta da me con il lievito madre 😉
Naturalmente fate attività fisica.. anche solo camminare: il divano e le pantofole forever sono nemiche della dieta 😉

Importante: cuocete la pasta, riso, legumi ecc senza sale. sostituite il sale con quello marino integrale o ancora meglio con quello rosa Himalayano, ed usatelo anche per salare la pasta dopo averla cotta. Evitate i cibi con molto sale come le salsicce il prosciutto e i wrustel, oppure come quelli pronti, anche da cuocere.
Non consumate cibi che contengono glutammato monosodico: questo a priori dieta o non dieta: è per la vostra salute 😉 e comunque gonfia e fa venire il mal di testa nel migliore dei casi.
Usate il miele o lo zucchero di canna per dolcificare, abolite i dolcificanti (apportano meno calorie ma sono tossici per l’organismo e a lungo andare gonfiano).
Sappiate che il sale da cucina e lo zucchero vi stimolano la fame… fate la prova! Per un pò seguite questi consigli e un bel giorno riprendete a salare come una volta: ve ne accorgerete da soli 😉 Consumate al massimo 3 caffé al giorno.
Bevete almeno 1,50 lt di acqua. Se vi va fatevi una tisana durante la giornata.
Se la sera mangiate la pizza invertite, mangiando a pranzo le proteine previste per la cena, o solo i legumi. Se usate i legumi in scatola, sciacquateli per togliere il sale, è comunque meglio cuocere quelli secchi.
Non vi stressate pensando che state a dieta e se non riuscite a fare a meno di mangiare qualcosa, concedetevela, ma date solo un assaggio: vi gratificherete, ma coscenziosamente, non esagererete vanificando gli sforzi fatti.
Volete la pastarella o la patatina fritta a tutti i costi? Mangiatene una microquantità e assaporatela a lungo pensando di averne mangiato un vassoio od un pacchetto.
Per dimagrire non dovete smettere di mangiare, ma diminuire le quantità, e mangiare spesso, così aumentate il metabolismo. Saltare i pasti, lo sapete, fa ingrassare.
Ma bando alle ciance, ecco la dieta.

Colazione

6-8 mandorle caffé e/o cappuccino o spremuta di frutta

Metà mattinata

yogurt o frutto

Pranzo

70 gr di pasta/riso (magari integrale se potete) + verdura, insalata ecc..
o 70 gr di pasta/riso + 60-70 gr di legumi (secchi)

2 frutti

Merenda

yogurt o frutto

Cena

150-200 gr carne o pesce
o 100-150 formaggio morbido (mozzarella-stracchino-ricotta ecc)
+ verdura
frutto

Fine settimana: potete concedetervi un pranzo/cena fuori cercando semplicemente di non esagerare!

Non spaventatevi come me leggendo 6-8 mandorle e basta.. perché calmano la fame e danno il giusto apporto di magnesio che manca al nostro organismo a causa di molteplici fattori (discorso lungo da approfondire in seguito).
Solo che non allargano lo stomaco e danno l’energia giusta per affrontare la giornata lavorativa o di studio. La verdura potete aumentarla se avete fame.. a patto di non aumentare i condimenti.
Al massimo conditela solo col limone 😉

Annunci

Read Full Post »

 

Se avete deciso di avere un bimbino potete prepararvi al concepimento già da 3 mesi prima adottando 8 semplici regolette di sane abitudini alimentari.
Anche Feuerbach disse: “l’uomo è ciò che mangia” 😉

Ecco allora gli 8 passi da apportare alla propria alimentazione per aiutare il preconcepimento:  

  1. Prediligere  pasta, riso e cereali, meglio se integrali.
  2. Fare scorpacciate di verdura e frutta di stagione: gialla, rossa e verde.
    Questo perché contengono tutte quelle vitamine “super” come acido folico, zinco e magnesio. 
  3. Privilegiare l’uso di latticini.
  4. Dosare le proteine in un giusto equilibrio di tra carne, pesce, e uova.
  5. Contenere l’uso dei dolci…, ma ho letto su un sito americano che mangiare del gelato aiuterebbe l’ovulazione. Bisognerebbe quindi preferire i prodotti non scremati rispetto a quelli scremati….  
  6. prediligete l’olio d’oliva come condimento, visto che aiuta l’assorbimento delle vitamine e minerali utili al preconcepimento.
  7. diminuite l’uso della caffeina e dell’alcool e, anche se è comunque consigliato un bicchiere di vino al giorno, conviene evitarlo il periodo del mese in cui si è fertili. 
  8. associate a tutto questo un giusto movimento fisico, per aiutare il nostro fisico a prepararsi al meglio per essere pronto ad acchiappare la cicogna! 🙂

In sostanza…  questa non è altro che la tabella della nostra dieta mediterranea! :mrgreen:

Fonte

Read Full Post »

Con il caldo dell’estate perdiamo molti liquidi e sali minerali…
Per reintegrarli velocemente tuffiamoci nel consumo di frutta e verdura… ma quali sono gli ortaggi in cima alla top-ten dei migliori dissetanti “mangia e bevi”?
L’anguria e il cetriolo composti da più del 95% di acqua seguiti dal melone e dalle zucchine.

Il RE cetriolo: l’alleato della linea e della bellezza
Il cetriolo è un ortaggio molto rinfrescante e diuretico.
Mangiato regolarmente, soprattutto in abbinamento con salse a base di yogurt, purifica la pelle e la disseta rendendola più luminosa e morbida.
Ha proprietà diuretiche e disintossicanti: aumentando la diuresi, facilita l’eliminazione delle tossine e aiuta a sciogliere i cristalli di acido urico e gli urati.
Alleato prezioso per chi soffre di reumatismi e di gotta.
Un’altra peculiarità è il suo contenuto di zolfo che lo rende indicato per chi soffre di irritazioni intestinali.
Ha un bassissimo valore calorico (14 calorie ogni 100 g) e un buon apporto di minerali, tra cui potassio, cloro, fosforo, calcio, sodio, magnesio, manganese, ferro e zinco, e quindi è perfetto per le diete dimagranti estive che tendono, a causa della sudorazione, a far perdere micronutrienti importanti.
L’ unico neo è dato dalla poca digeribilità per alcuni soggetti, nel qual caso si consiglia di consumarlo lontano dai pasti.
Per essere perfetto, va scelto di dimensioni piccolo-medie e con la buccia compatta e verde brillante.

La REGINA Anguria: la finta “zuccherina”
Anche se all’apparenza sembra il contrario, l’anguria è molto dolce, ma fornisce poche calorie.
E’ in assoluto, il frutto meno energetico (15 calorie ogni 100 g), e quindi adattissimo per appagare la voglia di qualcosa di dolce senza pesare sulla linea perché contiene sostanze aromatiche che smorzano l’appetito e ingannano le papille gustative: una fetta da 100 grammi sembra molto dolce al palato ma non fornisce più di 3-4 grammi di zucchero, pari a mezzo cucchiaino!
Il cocomero è ideale anche per reintegrare le scorte di minerali persi con la sudorazione.
Primo fra tutti il potassio, importante per contrastare i cali di pressione da afa ma anche la ritenzione idrica e, quindi, la cellulite.
Non ultimo, l’anguria fornisce discrete quantità di betacarotene che protegge la pelle dall’aggressione dei raggi UV e favorisce una bella tintarella ambrata.
Per sceglierla bene bisogna guardare la buccia che deve essere liscia, con le strie di un bel color crema e dall’aspetto polveroso e opaco.
Quando l’anguria è matura, infatti, si ricopre di pruina, un pulviscolo ceroso naturale che protegge i frutti.

Fonte

Read Full Post »

Con il caldo estivo cambiano le abitudini alimentari… si perde l’appetito e/o si mangia e beve quello che capita…
Così facendo, non solo si compromette la linea, ma anche la salute!
Non è vero che saltare i pasti faccia bene! Tutt’altro!
Meglio mangiare poco e spesso sia per non appesantire la digestione che per accelerare il metabolismo.
Usiamo una corretta alimentazione e scegliamo i cibi giusti anche per sentire meno caldo ed aiutare l’organismo a non sovraffaticarsi ulteriormente..

Ecco dei consigli D.O.C. da attuare a tavola, in spiaggia, in viaggio e soprattutto con il grande caldo!

Non saltate mai i pasti
Cercate di fare almeno 3 pasti al giorno, meglio 5 (piccoli).
Se priviamo l’organismo di energia e sali minerali, saremo più spossati e intolleranti al clima torrido.
L’estate le giornate sono più lunghe, facciamo più movimento e dormiamo di meno, quindi aumenta il nostro fabbisogno calorico e di micronutrienti.
Con il caldo aumenta la sudorazione, e quindi la perdita di acqua e sali minerali che dobbiamo reintegrare per evitare cali di pressione e malesseri tipici del caldo.
Quindi, assolutamente, non fate mai mancare dalla vostra tavola vegetali freschi ricchi di liquidi, vitamine e potassio.

Fate piccoli spuntini
In estate la digestione è più lenta ed è facile sentirsi appesantiti.
Per agevolare il lavoro dello stomaco e dell’ intestino è meglio frazionare il più possibile la giornata in piccoli spuntini a base di frutta, verdura, yogurt, formaggi freschi e leggeri, carne magra e pesce cotto alla griglia.
Evitate invece la pasta o risotti conditi in modo elaborato, formaggi stagionati e salumi grassi come salame o mortadella.
In spiaggia o in viaggio va bene un panino con pomodoro e mozzarella o formaggio morbido, o un’insalatona arricchita con tonno e mais.
In alternativa potete mangiare anche una coppa di gelato accompagnato da frutta fresca ma non esagerate!

No ai piatti e bevande ghiacciate
Evitate di consumare piatti e bevande appena tolti dal frigorifero: rischiate di avere una congestione o nausee.
Cercate invece di mangiare e bere cibi e bevande a temperatura ambiente e freschi, così aiuterete anche la digestione.

Sì alle spezie
Le spezie, tra cui il peperoncino, stimolano la vasodilatazione, che induce maggior sudorazione e, quindi, l’eliminazione del calore corporeo in eccesso.
Alcune spezie, peperoncino compreso, stimolano la secrezione gastrica, ed in questo modo aiutano la digestione.
Inoltre, sono dotate di un buon potere disinfettante sull’intestino che, in questa stagione, è l’organo più ‘debole’.
Non a caso i paesi caldi, come quelli orientali e mediorientali, fanno largamente uso delle spezie.. vi eravate mai chiesti perché? 😉

No ai dolci
Sicuramente perché fanno ingrassare ma anche perché la loro metabolizzazione richiede all’organismo un grande consumo di acqua che viene ‘rubata’ al resto del corpo.
Se non potete fare a meno del dolce, allora ripiegate sui frullati di frutta fresca e sorbetti.

Per la tintarella
In estate aumenta la varietà di frutta e verdura: approfittiamone consumandoli generosamente, anche perché così reidratiamo la pelle.
I vegetali di color arancione sono particolarmente ricchi di betacarotene, famoso per combattere i radicali liberi e favorire l’abbronzatura.
I cibi ricchi di vitamina C (kiwi, fragole, peperoni) ed E (oli vegetali, mais e germogli di soia), hanno un’azione antiossidante, la vit. C rende elastica la pelle, e le vitamine C ed E combinate, riducono i danni indotti da UVA e UVB.

Contro la disidratazione
In estate aumenta il fabbisogno di acqua: caldo e sole asciugano l’ organismo, penalizzando il suo buon funzionamento e i processi di difesa.
Privilegiate allora i cibi ricchi d’acqua che dissetano e, al contempo, reintegrano sali minerali.
I migliori dissetanti “mangia e bevi” sono l’anguria (fino a 95,3% di acqua) e il cetriolo (96,5%) seguiti dal melone e dalle zucchine.

Fonte

Read Full Post »

La dieta dello Yogurt

yogurt 

Mi raccomando da fare una volta sola!!!!!
Al massimo una volta al mese… ma non di più, altrimenti i vantaggi diventano svantaggi.
Questa, più che una dieta dimagrante, è disintossicante.

Va bene anche per le persone intolleranti al latte, che possono comunque tollerare lo yogurt.

Eccola qua:

  • Colazione: 2 vasetti di yogurt
  • Pranzo: 2 vasetti di yogurt
  • Merenda: 2 vasetti di yogurt
  • Cena: 2 vasetti di yogurt
  • Bevete molta acqua e the o infusi senza zucchero o con pochissimo miele (1-2 cucchiaini in tutta la giornata)

 Difficile vero?

I bambini riescono a nutrirsi esclusivamente con il latte, ecco perché assumendo lo yogurt, incamerate tutte le sostanze nutritive necessarie…

Ma vi ripeto: fatela UNA VOLTA SOLA!!!

Per dimagrire: 

Se poi volete dimagrire, potete continuare, mangiando a colazione e pranzo le stesse cose che mangiate normalmente e a cena uno o due vasetti di yogurt, oppure uno yogurt ed un frutto.
E’ importante farlo a cena, perché è il momento della giornata in cui il corpo brucia meno calorie.
Il fine settimana, senza esagerare, potete concedervi una pausa e cenare normalmente, magari insieme agli amici.

Questa dieta è comoda soprattutto per chi non può gestire i pasti, pesare e cucinare i propri cibi.

Mi raccomando, comunque mangiate di tutto e variate il cibo, perché il nostro corpo ha bisogno di tutti gli elementi nutritivi: carboidrati, proteine, vitamine, grassi ecc…

Presto vi darò altre dritte per dimagrire! 😉

Read Full Post »

dieta 

Eh… sì!
Quanto abbiamo mangiato in queste feste?
Quanti vestiti non entrano più?

Senza ricorrere a diete drastiche, ecco alcuni consigli per controllare peso e salute senza stress!

  1. Non eccedete nel consumo degli stessi cibi trascurando gli elementi essenziali contenuti in altri alimenti e soprattutto non mangiate più di quanto avete bisogno.
    Per seguire una dieta sana ed equilibrata dovete assumere, nelle quantità adeguate, proteine, carboidrati, grassi, fibre, vitamine e minerali e soprattutto acqua, senza escluderne totalmente nessuno.
  2. Pesate sempre gli alimenti, in modo tale da assumerne la corretta razione giornaliera.
  3. Non fate un pasto completo solo una volta al giorno: è sicuramente una cattiva abitudine. E’ consigliato, invece, fare piccoli pasti al posto di uno abbondante.
    La base di una corretta alimentazione è costituita da tre pasti al giorno e uno spuntino a metà mattina o al pomeriggio.
  4. Quando mangiate, sedetevi comodi e rilassatevi. Scegliete un ambiente confortevole e mangiate con calma, gustando ogni singolo boccone.
  5. Non mangiate mentre siete concentrati in altre attività.
    Per esempio non mangiate mentre state guardando la televisione o mentre lavorate: in questo modo eviterete di mangiare in eccesso senza rendervene conto. 
  6. Mangiate lentamente e masticate bene: la prima digestione avviene nella bocca!
    Gustate il colore, sapore e consistenza del cibo: in questo modo aiuterete il processo di digestione e sarete sazi prima.
  7. Abbinate una corretta alimentazione all’attività fisica, così facendo aumenterete il metabolismo consumando più calorie e restando più velocemente in forma.
  8. Purtroppo, con l’avanzare dell’età, il nostro corpo ha bisogno di meno energie… ecco perché molti anziani, senza ridurre il consumo di cibo, tendono ad ingrassare.
    Quindi tenete in considerazione anche la vostra età!

Ecco alcuni semplici consigli per ottenere una dieta bilanciata:

  • Limitate il consumo di grassi animali, di zuccheri semplici e del sale da cucina.
  • Moderate il consumo di alcool.
  • Evitate gli insaccati, i gelati alla crema, cioccolato o panna e i dolci alla crema
  • Evitate i cibi in scatola
  • Scegliete la carne magra
  • Preferite l’olio di oliva o di semi al burro
  • Consumate molte verdure fresche (lavate molto bene!) e frutta.

Il corpo umano, per funzionare normalmente, ha bisogno di assumere cibo con regolarità.
Sono assolutamente da evitare le diete drastiche e sbilanciate che non includono tutti gli alimenti, perché danneggerebbero l’organismo.
E’ importante tenere in considerazione le varietà degli alimenti, poiché i regimi alimentari composti dagli stessi cibi possono essere carenti di alcuni principi nutritivi.

Uno dei presupposti fondamentali per una corretta alimentazione è che essa corrisponda al fabbisogno calorico dell’individuo.
Per valutare la quantità totale degli alimenti da consumare nella giornata, calcolate prima qual’è il vostro  fabbisogno calorico.

In media il fabbisogno calorico quotidiano è rapportato al peso e all’attività fisica svolta dalla persona:

  • circa 40 calorie per chilogrammo al giorno (Kg/die) per chi svolge un lavoro pesante
  • circa 30 calorie per chilogrammo al giorno (Kg/die) per chi svolge un lavoro medio
  • circa 25 calorie per chilogrammo al giorno (Kg/die) per chi svolge poca attività fisica

Chi supera la quota necessaria a soddisfare il fabbisogno calorico quotidiano, specie se non svolge un’attività fisica adeguata, è quasi inevitabilmente soggetto al sovrappeso.

Queste sono regole generali; per una dieta vera e propria vi consiglio, comunque, di rivolgervi ad un medico esperto 😉

Read Full Post »