Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 26 settembre 2008

 

Continuiamo ad illustrare i tessuti utilizzati per i vestiti di Danza Orientale.

Crepe o crespo
Si chiamano così generalmente i tessuti di vario tipo che hanno un aspetto increspato, e ne esistono in numerosissime varianti, anche e soprattutto resistenti alla gualcitura.
Le più note sono:Crèpe-de-Chine (pron. crep-dscin) più compatto e pesante, ben drappeggiabile, ottenuto con l’impiego di trame a torsione alternata, spesso stampato.
Crèpe georgette (pron. crep sjors’jet) leggero, trasparente, arioso, a grana finissima, leggermente ondulato, solitamente unito.
Crèpe satin (pron. crepsatèn) morbido, rasato, lucido.
Crèpe marocain (marocchino) Il più pesante di tutti, con filato di trama più grosso dell’ordito che crea un effetto di costine ondulate.

Georgette
E’simile allo chiffon, ma al tatto è più pesante.
Tessuto leggero in cotone, seta o viscosa, sottile e trasparente, ma rigido, è utilizzato per la realizzazione di abiti vaporosi, con giochi di sovrapposizione a più teli.
E’ consigliato a chi ha esperienza di cucito, perché si sfilaccia moltissimo, va refilato e sorfilato dopo il taglio. Per cucirlo si usano filo e aghi sottili.

Damasco o damascato
E’ un tessuto jacquard di origine orientale (braccato di Damasco) originariamente fatto a mano, molto pregiato.
Normalmente è realizzato in un unico colore con filati brillanti che creano disegni a rilievo chiaro-scuri.
Si utilizza per l’arredamento e abbigliamento femminile.
Essendo un tessuto già ricco e abbastanza rigido è ottimo per fare coperture di corpini o cinture.

Organza
E’ una mussola di cotone, più fine e leggera (dai 30 ai 40 gr., e più) molto trasparente, realizzata con filati a titolo altissimo, che viene rinforzata da un appretto rigido.
Questa stoffa venduta per realizzare i teli per le tende si trova anche già confezionata con i passanti, ed essendo alta almeno 3 metri ha un eccellente rapporto qualità prezzo; è decisamente più robusta dello chiffon.
Potete utilizzarla per realizzare il velo, i pantaloni e le gonne, ma dovete tenerli sulla stampella perché prendono facilmente le pieghe.
Se ne trovano in colori molto brillanti e anche sfumati.
Ne esiste anche una variante detta scintillina ancora più fine e lucente.

Degradè
Prende il nome dall’effetto sfumato degradante del colore, che parte dai toni intensi e accesi fino a quelli chiarissimi.

Viscosa
Fibra cellulosica denominata anche rayon.
E’ morbida e di aspetto simile alla seta, ha il comfort tipico delle fibre vegetali, una buona resistenza all’usura (allo stato asciutto), elevata capacità igroscopica.
Si utilizza sia nell’abbigliamento che nell’arredamento

Fonte: Nonsolodanza

Annunci

Read Full Post »